15/6/24 Presentazione della rivista TAM TAM BUM BUM n.7

 

15 giugno 2024 – ore 17.30

Casa delle Donne di Milano – via Marsala 10

Presentazione della rivista TAM TAM BUM BUM n. 7

da parte delle redattrici con i membri del collettivo editoriale.

 

sadri

7/6/24 Donne Terra Dignità -un reportage a fumetti di Antonella Silva

in dialogo con l’autrice: Monica Macchi dell’Ass.ne C.A.T.

7 giugno 2024 – ore 18.00

Casa delle Donne di Milano – via Marsala 10

****

Marocco, primi anni Duemila. In un villaggio dell’entroterra marocchino, sugli altipiani tra Rabat e Khemisset, minacciati da una siccità crescente, una piccola comunità contadina si sta spegnendo a poco a poco a causa dell’abbandono e dell’emigrazione. La vita, da sempre dura per i contadini senza terra, peggiora ulteriormente quando i terreni su cui sorge il villaggio vengono concessi a un notabile del luogo, che vuole cacciare gli abitanti e mettere a profitto le terre. Il nuovo proprietario però non ha fatto i conti con l’intelligenza e la determinazione degli ultimi abitanti rimasti.
Una storia di solidarietà e impetuoso protagonismo femminile, che racconta la rinascita del villaggio come modello di transizione ecologica. Una storia vera, che trova un suo doppio nelle vicende e nelle voci delle comunità neo-rurali dell’Appennino.
Donne terra dignità è un’opera di graphic journalism scritta e disegnata da Antonella Selva.

Antonella Selva bolognese, classe 1960. Pur non avendo fatto studi artistici ma letterari, il fumetto è il suo linguaggio più autentico. Le sue tecniche di elezione sono la china a pennello e l’acquarello – non lavora in digitale.
Il suo attivismo politico l’ha portata in Nicaragua, Palestina, Iraq, alla scoperta del mondo arabo, e a un’esperienza settennale nel consiglio comunale di Bologna. In seguito l’esperienza maturata è stata messa al servizio di progetti di cosviluppo in Marocco e di integrazione interculturale a Bologna, attraverso l’associazione Sopra i ponti.

 

sadri

29/5/24 Claudiano Sironi con «Il tè del Professore»

29 maggio 2024 – ore 18.30

Sala Aletti (Villaggio Barona) – Via Ettore Ponti 21 – Milano

CLAUDIANO SIRONI

in dialogo con Roberta Vianello

presenta il romanzo

Il Tè del Professore – Filosofia SUPERFLUA fra Oriente e Occidente

 

Sinossi dell’opera (il Tè del Professore – Filosofia SUPERFLUA fra Oriente e Occidente)

Gli appunti del vecchio professore di liceo – casualmente ritrovati dal suo allievo dopo ben cinquant’anni – stimolano una serie di riflessioni sulla ricerca delle origini del pensiero, declinato nel tempo, fra Oriente e Occidente, tra miti, religioni, sistemi filosofici e scienza, a dimostrazione che le variegate strade intraprese dal pensiero umano talvolta riconoscono antichi legami comuni, talora antitetiche divergenze.
Il Professore e l’alunno – ora medico in pensione – tenteranno un’impossibile sintesi fra mondi eterogenei, in epoche remote e moderne, in un dialogo dapprima reale iniziato sui banchi di scuola, e poi immaginario, proseguito nei Campi Elisi. Gli ultimi scritti ritrovati si rivelano un testamento spirituale, nell’approssimarsi del suo ultimo viaggio.
Conviviali incontri pomeridiani a casa del Professore con i compagni più entusiasti, allietati da tè e biscotti, vedono l’evolversi del dialogo e nel tempo s’invertono le parti: il discente tenta di completare segmenti mancanti, suggerendo soluzioni alternative e analizzando la cronaca di grandi eventi della Storia recente.
Alla filosofia si aggiungono poi riflessioni sulla storia, la politica e la scienza, medica e fisica in particolare. Si disquisisce anche di archeologia, vissuta nella polvere degli scavi e non solo sui libri. Il tutto condito da un pizzico di goliardia, una punta di cinico umorismo e un granello di tenerezza, quando l’autore racconta di una giovanile storia d’amore.
Il Maestro si definiva un uomo superfluo, non nell’accezione comune, ma in grado di super flùere, ovvero scorrere sopra e oltre le cose. Ciò spiega il titolo “Il tè del professore – Filosofia Superflua tra Oriente e Occidente”.
Questo libro è soprattutto un peccato di superbia, un temerario e impudente tentativo di voler descrivere in forma unitaria il pensiero umano, ovunque sviluppatosi nell’ecumene, ma anche un tributo al mentore che, dopo mezzo secolo, ancora vive nei ricordi di quell’adolescente curioso e sognatore, al quale ha trasmesso il desiderio della conoscenza e l’amore per il sapere.
Gli appunti riordinati dell’opera sono dedicati al Professore – uomo saggio, quindi senza nome, come lo erano gli Antichi Maestri – che ci accompagnava all’ora del tè nell’Oceano infinito, in un viaggio lento e privo di scopo, con la levità della brezza.
L’opera è indicata per lettori interessati a un “racconto” filosofico, “lieve” ma esaustivo, che spazia dalle origini del pensiero fino ad oggi, nel confronto fra filosofie occidentali e pensiero orientale.
La peculiarità del testo si rinviene nel rigore filosofico coniugato ad agile sintesi e declinazione poetica.

 

Claudiano Sironi, medico chirurgo, è nato a Varese nel 1953 e vive a Milano. Specializzato in Medicina Interna a Pavia, è stato dirigente medico in preminenti nosocomi lombardi, alternando l’attività ospedaliera a quella di pronto soccorso. Autore di pubblicazioni scientifiche e relatore in convegni medici, in parallelo all’attività clinica e professionale, ha coltivato studi di archeologia, storia dell’arte e filosofia, appassionandosi anche di astronomia, scacchi e viaggi. Il suo primo progetto editoriale è stato “Ouliades – Storie mediche oltre il camice” (Porto Seguro Editore), un testo in cui egli racconta un variegato campionario di memorie, incontri, sagome umane che hanno costellato la sua carriera professionale di medico, circostanze da cui sgorgano riflessioni scientifiche e ispirazioni filosofiche di più ampio respiro. Il secondo libro, “Il Tè del Professore, filosofia SUPERFLUA tra Oriente e Occidente” (CSA Edizioni), riprende gli appunti del vecchio professore di filosofia del liceo, con riflessioni sulle origini del pensiero, navigando nelle menti degli antichi saggi d’Oriente e d’Occidente.
“Mai nato mai morto, archeologia di un danzatore” (Edizioni Progetto Cultura), è il suo terzo libro.

sadri

24/5-2/6/24 Moltitudini di impronte – esposizione di Aleksandra Erdeljan con Laboratorio di Arteterapia (26/5)

 

 

SPAZIO SEICENTRO – Via Savona 99 – Milano

dal 24 maggio fin o al 2 giugno 24

con patrocinio del Municipio 6 – La Casa delle Artiste è lieta di promuovere l’esposizione personale di

Aleksandra Erdeljan  «MOLTITUDINI DI IMPRONTE»

VERNISSAGE 24 maggio – ore 18.30

L’esposizione degli acrilici interesserà diversi periodi creativi dell’artista per cui sarà riscontrabile una dinamica di lavoro acquisita con l’impegno e con lo studio del colore. La delicatezza del tratto ci regalerà visioni oniriche ma anche rispondenti alla realtà, interpretate secondo l’emozione del momento.

***

Per favorire l’incontro con l’Arte da parte dei bambini, si propone il Laboratorio di Arteterapia LA DANZA DELLE SAGOME, previsto la domenica 26 maggio dalle ore 10.30 alle 12.00.
CONDUTTRICE
Aleksandra Erdeljan, artista e arteterapeuta
OBIETTIVO
Stimolazione della creatività e della fantasia. Esplorazione delle dinamiche nella famiglia.
ETA’
Bambini dai 3 anni in poi e adulti (genitori)
Durata
1 ora
numero di partecipanti
Un gruppo piccolo o grande
MATERIALE
Grandi fogli di carta, materiali per il collage, colla, pennelli, tempere, matite, pastelli all’olio, spugne, rulli
ATTIVITA’
I bambini si sdraiano sul foglio di carta e il genitore fa tracciare il contorno del loro corpo.
Il genitore aiuta al bambino a tagliare la propria sagoma che poi si riempie usando colori, linee, forme, figure, ecc.
Alla fine tutte le sagome si uniscono con la colla per creare un lavoro finale, un’illusione di danza che poi verrà appesa in una delle sale.
Discussione e feedback
Conclusione dell’attività.

****

 

Aleksandra Jelačić  Erdeljan nata a Zrenjanin (Serbia) nel 1982; dal 2006 si è trasferita a Milano. Pittrice, prevalentemente con acquerelli, ha lavorato come  arteterapeuta presso la Fondazione Lighea, che si occupa della cura del disagio psichico e riabilitazione sociale a Milano in comunità

 

Studi:

2006: Laurea presso Accademia di Belle Arti di  Novi Sad , Serbia

2010: Laurea presso Accademia di Belle Arti di Brera, Milano

2018: diploma di arteterapia presso Scuola di Artiterapie M.B.A. Modello Botteghe d’Arte, Milano

2020: diploma  Sinervis – Formazione Professionale ICT – Master in Grafica Pubblicitaria e Comunicazione Digitale, Milano

 

Esposizioni:

2009 – “Naufragio”, mostra di fotografia, Galleria moderna, Zrenjanin, Serbia.

2015 – Doppia personale con Lilith Lilian Rosso, Galleria “Nasha”, Pern, Russia.

2017- “Alla ricerca dei paesaggi”, Galleria “Dom vojske- Kreativni generator”, in collaborazione con il Centro Culturale, Vrsac, Serbia.

collectives

2000 – Centro spirituale, Zrenjanin. Serbia.

2000 – Mostra di opere dell’ Art Colony “Disegno”, Galleria d’Arte contemporanea, Zrenjanin. Serbia.

2003 – Galleria ”Hol”, Accademia d’Arte, Novi Sad. Serbia.

2004 – Galleria “Da”, mostra di pittura, Novi Sad, Serbia.

2004 – Galleria dell’Accademia di Belle Arti, Belgrado.(Skadarlija)

2004 – Mostra di studenti del III e IV anno dell’ Accademia d’Arte di Novi Sad, Sremski Karlovci, Serbia.

2004 – 33° Salone di Novi Sad, Novi Sad, Serbia.

2005 – Galleria “Hol”, Accademia d’Arte, Novi Sad, Serbia.

2005 – Mostra di icone e affreschi, Galleria di “ Vojvodjanska banka“, Novi Sad, Serbia.

2005 – Art Picnic, Museo della distruzione, Zrenjanin. Serbia.

2005 – Mostra di disegni degli studenti dell’ Accademia d’Arte di Novi Sad, Galleria Art Klinika, Novi Sad. Serbia.

2005 – Mostra di operedegli studenti laureati dell’ Accademia d’Arte, Galleria di Matica srpska, Novi Sad. Serbia.

2005 – Mostra degli studenti dell’ultimo anno dell’Accademia d’Arte, Museo della rivoluzione, Novi Sad. Serbia.

2005 – Mostra “Amare le differenze“, Museo d’Arte Moderna, Novi Sad. Serbia.

2005 – 11° Mostra di acquarelli, Centro culturale, Šabac. Serbia.

2005 – Partecipazione all’asta di opere a carattere umanitario, Galleria d’arte contemporanea, Zrenjanin. Serbia.

2006 – 12° Mostra di icone, Centro culturale, Šabac. Serbia.

2006 – Mostra collettiva del Art Colony “27° Incontro di acquarellisti di Serbia e Montenegro” Galleria d’Arte contemporanea, Zrenjanin. Serbia.

2007 – 7° Biennale di acquarello, Museo di Zrenjanin, Zrenjanin. Serbia.

2007 – Mostra dei giovani artisti di Zrenjanin, Galleria d’Arte contemporanea, Zrenjanin. Serbia.

2007 – Mostra collettiva, Salone di Sremska Mitrovica, Sremska Mitrovica. Serbia.

2008 – 9° Biennale di miniatura, Gornji Milanovac, Serbia.

2008 – Mostra collettiva (“Real Presence”) Galleria MKM- MAGAZIN, Belgrado , Serbia.

2009 – 8° Biennale di acquarello, Museo di Zrenjanin, Zrenjanin, Serbia.

2009 – “30×30” Concorso di pittura, Galleria d’arte contemporanea, Zrenjanin, Serbia.

2010 – 10° Biennale di miniatura, Gornji Milanovac, Serbia

2010 – Ex Lavanderia (performance), Milano, Italia.

2011 – Mostra collettiva di fotografia (Vlasis Tsonos, Branko Milesevic, Aleksandra Erdeljan), Radio-Televisione di Vojvodina e “Rotary Club di Fruska Gora”, Novi Sad, Serbia.

2013 – “30×30” Concorso di pittura, Galleria d’Arte contemporanea, Zrenjanin, Serbia.

2014 – Mostra colletiva, Galleria “Nasha”, Pern, Russia.

2016 – “Mostra colletiva, Galleria d’arte contemporanea, Zrenjanin, Serbia.

2019- Mostra internazionale “Less is more – Bauhaus”, Centro Culturale, Zrenjanin, Serbia.
2019 – partecipazione alla fiera d’arte contemporanea “Swab”, Barcellona, Spagna.
2022 – Premio di Pittura “Pittori a Palazzo”, Associazione Amici Palazzo e Parco Arese Borromeo, Cesano Maderno, Italia.

contest / competition

1997 – 1° Premio per il ritratto ”Cvijicevi dani”, Zrenjanin, Serbia.

1998 – 1° Premio per il ritratto, 2° “Salone di Todor Manojlovic”, Zrenjanin, Serbia.

2003 – 2 ° Premio dell’Università di Novi Sad per la realizzazione del miglio biglietto d’auguri, Novi Sad, Serbia.

2010 – Lode per il concorso “Vasareli e l’op-arte come ispirazione”, Museo Nazionale, Zrenjanin, Serbia.

I suoi quadri si trovano nelle collezioni private in tutto il mondo (USA, Canada, Australia, Regno Unito, Taiwan, Spagna, Svizzera, Austria, Ungheria, Paesi Bassi, Italia, Grecia, Macedonia e Serbia).

 

Opere in visione:

https://www.saatchiart.com/akitransilvania

 

Foto dei laboratori di pittura con gli allievi e la sua esperienza come arteterapeuta presso la Fondazione Lighea.

https://chiediarteterapia.wixsite.com/ilmiosito

 

 

sadri

15/16/17 maggio: Iya Kiva in tour – Poesia contemporanea ucraina in Italia

 

In occasione della pubblicazione del libro di poesie di Iya Kiva «La guerra è sempre seduta su tutte le sedie» (La Vita Felice)

tradotto da Yuliya Chernyshova e Pina Piccolo

la poetessa sarà in tour in Italia

10/5 a Venezia

11/5 San Giovanni Valdarno

13/5 Arezzo

14/5 Torino

e per le tappe lombarde, con La Casa delle Artiste,

15/5 Opera (MI) – ore 20.30 al Polifunzionale Sala Serafin – via Gramsci 21

16/5 Milano – ore 18.30 alla Ex Fornace – Alzaia Naviglio Pavese 16 – nell’ambito dell’esposizione ACQUA VIVA?

17/5 Melegnano – ore 18.00 – Biblioteca Civica Carlo Emilio Gadda – P.le delle Associazioni

 

 

Scheda volume

Chi si appresta a leggere la raccolta di Iya Kiva La guerra è sempre seduta su tutte le sedie nella traduzione italiana a cura di Yuliia Chernyshova e Pina Piccolo con testo ucraino a fronte, non può esimersi, sin dal titolo, dal fare i conti con il processo di antropomorfizzazione della guerra, fenomeno esistenziale, sia nella vita della giovane poeta ucraina che nei suoi versi. Si tratta di un processo che l’accompagna per tutta quella complessa cartografia poetica da lei creata nelle trenta poesie selezionate dalla sua vasta produzione, insieme però anche al processo inverso che è quello di resistenza alla trasformazione dell’essere umano in guerra, […]. È dalla tensione tra questi due processi inversi che scaturisce la grande potenza della sua poesia.

dalla prefazione di Pina Piccolo

La presenza in questa raccolta soprattutto di poesie scritte nei tempi di guerra ha posto il problema di un approccio traduttologico meditato per questo tipo di scrittura poetica. Sono poesie scritte nell’imminenza e sotto l’incalzare degli eventi bellici e in esse il talento della poetessa le permette di mettere in parole quello che non si era mai vissuto prima, un’esperienza del tutto nuova, spesso indicibile e indescrivibile.

dalla postfazione di Yuliia Chernyshova

***

Iya Kiva è una poeta ucraina, traduttrice, membro di Pen Ukraine. Nata nel 1984 a Donetsk, si è trasferita a Kyiv nel 2014 a causa della guerra russo-ucraina. Autrice delle raccolte di poesie «Подальше от рая» [“Più lontano dal paradiso”] (2018), «Перша сторінка зими» [“La prima pagina dell’inverno”] (2019), «Сміх згаслої ватри» [“La risata del falò estinto”] (2023), nonché dei libri di interviste con autori bielorussi «Ми прокинемось іншими: розмови з сучасними білоруськими письменниками про минуле, теперішнє і майбутнє Білорусі» [“Ci sveglieremo diversi: Conversazioni con scrittori bielorussi contemporanei su passato, presente e futuro della Bielorussia”] (2021), dedicato alle proteste del 2020-2021 in Bielorussia. Le sue poesie sono state tradotte in oltre 30 lingue. Nel 2022, la sua raccolta di poesie «Свидетел на безименност» [“Testimone dell’anonimia”] è stata pubblicata in bulgaro (trad. Denis Olegov) e un’altra raccolta di poesie «Чорні ружі часу/Czarne róże czasu» [“Le rose nere del tempo”] è stata pubblicata in polacco (trad. Aneta Kaminska). È stata vincitrice del secondo torneo poetico intitolato a Nestor Chronicler (2019), vincitrice del Premio speciale “LitAkcent” (2019) per il libro «Перша сторінка зими», La prima pagina dell’inverno, vincitrice del Premio letterario “Metafora” per traduttori (2020), vincitrice del concorso poetico “Haivoronnya” (2019), etc. Traduce poesia polacca e bielorussa; come traduttrice e redattrice di libri per l’infanzia dall’inglese collabora con il progetto “PJ Library” in Ucraina. Ha partecipato al programma Gaude Polonia Fellowship del Ministro della Cultura polacco (2021), è stata borsista dell’International Writing Program (2023, Usa) e altri. È entrata nella rosa dei candidati per il premio 2024 “Donne nelle arti: La resistenza” promosso dall’Ente delle Nazioni Unite Donne: Ucraina. Attualmente vive a Leopoli.

sadri

19/4/24 Lorena Silvia Sambruna e Vittorio Giovanelli con «Menù poetico»

19 aprile 2024 – h. 18.30

Sala Aletti (Villaggio Barona) – via Ettore P0nti 21 – MILANO

presentazione del libro «Menù poetico» di

LORENA SILVIA SAMBRUNA e di VITTORIO GIOVANELLI

Letture dell’attrice Barbara Sirotti

Rossana Bacchella coordina l’incontro.

Ingresso libero

******

La Prefazione di Lorenzo Beccati

Le parole volano libere e si posano sui libri, giornali, rogiti dei notai, confezioni, insegne ma solo i poeti sanno inchiodarle sulle pagine, come spilli con le farfalle nelle bacheche, dando loro un significato definitivo.

Verseggiatore, artista, lirico, cantore, vate rimatore, trovatore, giullare; menestrello, sognatore, illuso, idealista. Questi sono i sinonimi di poeta (Corsera) ma io credo che il poeta debba essere tutte queste cose insieme.

Le liriche di Vittorio Giovanelli e Lorena Sambruna possiedono ognuna di queste peculiarità. Nella preziosa raccolta tra le vostre mani, Vittorio dimostra d’essere “terragno”, capace di “sporcarsi” senza timori nel manipolare oggetti, emozioni e sentimenti che appartengono a chi conosce e descrive la vita per ciò che è davvero. Lorena invece sorvola il mondo dall’alto, portarci con sé in un altrove per. mostrarci “scaglie di luce”, “recinti d’amore”, “Fate chiarore”.

Resta l’incontestabile fatto che dovere del poeta è restituirci la realtà che è solita nascondersi ai nostri occhi. e quello che accade nelle pagine a venire.

***

Lorena Silvia Sambruna si racconta:

Sono una persona creativa, amo la poesia, la bellezza e l’ironia per me sono rivelazioni e antidoti contro il tedio della vita. L’ironia colora di magia il nostro essere e il nostro esistere. La bellezza è elevazione dello spirito, è il piacere che irrompe nella nostra anima, è soprattutto estasi. L’umanità ha bisogno di bellezza, di belle emozioni. Il cammino nella bellezza non deve fermarsi mai.

Il mio mantra quotidiano, la mia filosofia è: ridere sempre, sdrammatizzare! Ho fatto mia la frase di Fryderyk Chopin: “Chi non ride mai non è una persona seria”. Viaggio con la mente ma anche con gli aerei, treni e macchine, mi piace conoscere luoghi, persone e come diceva Omar Khayyam, La vita è un viaggio e chi viaggia vive due volte. Mi piace cucinare anzi inventare pietanze sperimentare, valorizzare il cibo nel piatto rendendolo un “quadro”. Mi piace la moda, aprendo il mio guardaroba, abbino, sperimento, noi siamo anche ciò che indossiamo. Ricordiamoci sempre che “La moda passa, lo stile è eterno.” – Yves Saint Laurent

La scrittura, per me, è un percorso nella verità, si è “nudi” davanti al foglio bianco, la penna ferma i pensieri che scorrono. Scrivere è liberazione, è condivisione, è quello che rimarrà di noi. La scrittura è eterna. La scintilla è scoccata viaggiando, in varie città d’Italia, ho trovato la vera ispirazione. Tanti luoghi ed incontri sono stati fondamentali per me.

****

Come raggiungere la SAL ALETTI

sadri

13/4/24 Casa delle Artiste POETRY SLAM – emcee: ANTIGONE & SUSANNA FIORI

Sabato 13 aprile 2024 – ore 18.00

Casa delle Donne – via Marsala 10 – Milano

In collaborazione son L.I.P.S.

CASA DELLE ARTISTE POETRY SLAM

emcee: ANTIGONE & SUSANNA FIORI

in gara:

Laura Amponsah, Elena Gerasi, Rossana Oriele Bacchella, Francesca Pase, Anna Spissu, Serena Rose Zerri

***

Antigone si racconta: Una volta dissi ad un tizio forse per vantarmi beh gli dissi che sapevo parlare con le persone sorde; ma lui aveva capito che parlavo con le persone morte e forse è per questo se non ci siamo più rivisti. Comunque sì, parlo coi sordi e faccio poetry slam in LIS.

Susanna Fiori nasce, cresce e corre a Milano, dove attualmente vive e lavora come medico specializzando in Neuropsichiatria infantile. Della poesia ama le regole e la libertà, la chiarezza e le incomprensioni. Dal 2018 ha partecipato a diversi slam in Italia e ora si diverte soprattutto a presentarli.

***

I poetry slam sono contest o gare di poesia performativa, in cui un minimo di 6 poet* si sfideranno a colpi di versi; le regole sono molto semplici e sono tre:

– testi autografi!

– nessun oggetto di scena, solo corpo e voce!

– 3 minuti a testa, per ogni turno!

A decretare il vincitore, il pubblico sovrano!

Il poetry slam nasce in America negli anni ‘80, da un’idea del poeta Marc K. Smith, che voleva trasfomare i reading di poesie a cui partecipava in eventi più coinvolgenti e stimolanti sia per il pubblico che per i poeti stessi. La competizione infatti è solo un pretesto per convincere le persone ad ascoltare più attivamente le poesie.

 

 

sadri

17/3/24 Locate T. – MIDNIGHT, l’ora della donna gatto

Nel mese di marzo dedicato alle Donne

17 marzo 2024 – ore 21.00

Teatro Oasi – P.zza della Vittoria 12 – LOCATE TRIULZI

Maskere con La Casa delle Artiste presentano

MIDNIGHT, l’ora della donna gatto

spettacolo del gruppo CATLIKE MOOD* che mette in scena la voce dell’anima femminile, il sapore di tutte le sue peculiarità e sfumature. L’ occhio dello spettatore si perde nella magia delle suggestive voci e dei fatati canti, nella travolgente energia e vivacità delle percussioni e nell’eleganza e nell’armonia della danza: un viaggio onirico che fonderà danza, musica, percussioni e che darà forma a un intrigante intreccio ispirato all’universo felino.

Il pubblico verrà guidato attraverso un’avvolgente rievocazione storica viaggiando insieme incuriositi dai significati che assume ogni sfumatura di manto, così come i vari aspetti del l’essenza della donna… Misteriose forme feline del tempo.

 

* Nato nel 2013, Catlike Mood si presenta come una realtà consolidata nell’ambito della danza contemporanea nazionale, grazie anche a svariati riconoscimenti conseguiti nelle loro apparizioni in piazze, showcase, teatri e tv con il loro spettacolo teatrale.

 

Ingresso € 10,00m – info e prenotazioni 338 9543338

 

sadri

14/3/24 – Presentazione antologia «La voz de las mujeres en la poesia italiana de hoy»

 

14 marzo 2024 – ore 18.00

Casa delle Donne – via Marsala 10 – Milano

Presentazione dell’antologia poetica

«La voz de las mujeres en la poesia italiana de hoy»

L’antologia (tutta al femminile) La voz de las mujeres en la poesia italiana de hoy , tradotta in spagnolo e curata da Emilio Coco, è pubblicata da Universidad Autónoma de Nuevo Leon (Mexico)

Le autrici incluse sono 12, tutte di spessore:

Antonella Anedda, Elisa Donzelli, Giovanna Frene, Laura Garavaglia, Paola Loreto, Annalisa Manstretta, Eleonora Rimolo, Giovanna Rosadini, Antonella Sbuelz, Anna Segre, Francesca Serragnoli, Gabriella Sica.

Saranno presenti numerose fra di esse.

Il curatore Emilio Coco sarà presente e potrà argomentare cosa significhi tradurre voci femminili, quale “abito” – oltre a quello del linguista – bisogna essere in grado di indossare, sorprese e criticità oltre a relazionare sul senso di questa antologia che, nella nota introduttiva, così condensa: La scrittura poetica italiana delle donne risulta fra le più accattivanti della fine del XX secolo e della prima decade del XXI. Mentre i poeti utilizzano forme ripetitive e obsolete, le poetesse sono portatrici di una parola poetica colma di eccezionale vitalità.

Diana Battaggia conduce l’evento.

 

Ingresso libero

 

sadri